il-ragazzo-che-sapeva-volare
Mi chiamo Hazel. 
Augustus Waters è stato il grande amore avversato dalle stelle della mia vita. La nostra è stata una storia d’amore epica, e io non riuscirò ad aggiungere nemmeno un’altra frase senza scomparire in una pozza di lacrime. Gus sapeva. Gus sa. 
Non vi racconterò la nostra storia d’amore perché come tutte le vere storie d’amore morirà con noi, come deve. Speravo che facesse lui il discorso funebre per me, perché non c’è nessun altro che vorrei lo facesse… Non posso parlare della nostra storia d’amore, quindi vi parlerò di matematica. 
Non sono un matematico, ma una cosa la so: ci sono infiniti numeri tra 0 e 1. C’è 0,1 e 0,12 e 0,112 e una lista infinita di altri numeri. Naturalmente c’è una serie infinita di numeri ancora più grande tra 0 e 2, o tra 0 e un milione. Alcuni infiniti sono più grandi di altri infiniti. Ce l’ha insegnato uno scrittore che un tempo abbiamo amato. 
Ci sono giorni, e sono molti, in cui mi pesano le dimensioni della mia serie infinita. Vorrei più numeri di quanti è probabile che ne vivrò, e Dio, voglio più numeri per Augustus Waters di quelli che gli sono stati concessi. 
Ma Gus, amore mio, non riesco a dirti quanto ti sono grata per il nostro piccolo infinito. 
Non lo cambierei con niente al mondo. Mi hai regalato un per sempre dentro un numero finito, e di questo ti sono grata.
Hazel Grace, The fault in our stars. (via il-ragazzo-che-sapeva-volare)
comelinvernodilondra
Che poi raga Londra é una città viva, trasmette armonia, te fa sentì felice, spensierato, te da una sensazione de libertà e de allegria che a me personalmente nessun’altra città m’é mai riuscita a dare.
Girare pe’ quei mercati, sentire quegli odori, vedere cose bellissime, assaggiare, assaggiare e ancora assaggiare tantissime cose particolari, schifose, ma particolari.
Incontrà personaggi strani pe’ é strade, visitare locali underground con musica rock e country, setacciare da cima a fondo Camden, di cui io oramai so’ follemente innamorato, girare pe’ Londra in taxi alle tre di notte, bere della birra buonissima che in confronto quella italiana fa veramente schifo, girare pe’ quelle strade fantastiche dove sembra de trovasse in un altra epoca, comprare dai negozi che, fino a quel momento avevo visto solo su internet…
E niente raga, Londra é magia, fa sentire vivi.